Trasporto intermodale: cos’è, i vantaggi e come si differenzia dal multimodale

Intermodal transport
Intermodal transport

In un mondo in continua evoluzione, il trasporto intermodale emerge come una soluzione chiave offerta nel settore delle spedizioni internazionali. In questo articolo di Savino Del Bene, esploreremo in dettaglio cos’è il trasporto intermodale e le sue caratteristiche distintive. Esamineremo anche la storia di questa modalità di trasporto, i vantaggi che offre e evidenzieremo le differenze rispetto al trasporto multimodale.

 

Trasporto intermodale: definizione e funzionamento

 

Il “trasporto intermodale” si riferisce a un metodo di spostamento delle merci nella stessa unità di carico (container, casse mobili o semirimorchi) utilizzando due o più metodi di trasporto, senza alcuna manipolazione diretta delle merci durante il corso della spedizione. Ad esempio, nel trasporto intermodale, un container (o altra unità di carico) viene trasferito da una modalità all’altra (navi, camion, treni, aerei) senza rimuovere e ricollocare il contenuto in un’unità diversa. Questo metodo di trasporto fornisce una soluzione integrata e flessibile, ideale per le aziende che desiderano migliorare l’efficienza della loro catena di approvvigionamento.

 

Trasporto merci intermodale: come avviene

 

Il trasporto intermodale è progettato per semplificare il movimento delle merci ed eliminare la manipolazione durante il transito. In questa modalità, il ritiro e la consegna delle merci vengono gestiti da un camion, con la maggior parte del trasporto tra i due punti gestita da ferrovia o camion oppure via mare.

 

Storia del trasporto intermodale

 

Per comprendere appieno i vantaggi, è necessario approfondire la sua storia. L’intermodalità dei trasporti è nata all’inizio degli anni ’50 quando si sono aperti i mercati commerciali internazionali e si è manifestata la necessità di trasportare merci sfuse in modo più efficiente. Un primo esperimento in questo senso fu condotto durante la Seconda Guerra Mondiale, quando il personale militare statunitense sviluppò basi in legno rialzate note come pallet, per tenere e trasportare in sicurezza le merci. I pallet ridussero i tempi di manipolazione e proteggevano il carico dai danni. L’uso dei pallet si diffuse rapidamente, ma l’idea del trasporto intermodale doveva ancora essere pienamente sviluppata.

 

Trasporto intermodale: la rivoluzione del container

 

La creazione del trasporto intermodale ebbe luogo nel 1956 quando un imprenditore di nome Malcolm McLean ebbe un’idea rivoluzionaria: perché non caricare l’intero camion direttamente sulla nave? Da questa domanda nacquero i moderni container per la spedizione, creando un’operazione di carico e scarico molto più efficiente e veloce. Fu in quel momento che McLean si rese conto dell’enorme potenziale del trasporto intermodale.

 

L’attuale successo dell’intermodalità

 

La vera svolta, tuttavia, non fu nei container stessi, ma nell’idea di adattare tutti i componenti del trasporto per integrarsi con i container. Nel 1967, l’Organizzazione Internazionale per la Standardizzazione (ISO) stabilì uno standard per i container, noti come container ISO. Questi hanno dimensioni specifiche e sono numerati attraverso un sistema di codifica che consente una rapida identificazione. Nel tempo sono stati aggiunti nuovi tipi di container ISO, come i serbatoi e i container refrigerati, che hanno ulteriormente ampliato il trasporto intermodale.

 

Intermodal freight transport

 

Qual è la differenza tra trasporto intermodale e multimodale?

 

Il trasporto intermodale è spesso confuso con il trasporto multimodale, poiché entrambi questi servizi utilizzano due o più metodi di spedizione per portare le merci alla loro destinazione finale. Anche se il trasporto intermodale è una forma di trasporto multimodale, la differenza è che il carico non viene suddiviso o manipolato e rimane all’interno della stessa unità di carico dall’inizio alla fine della spedizione. La sicurezza delle merci è garantita dal fatto che l’unità di carico è di dimensioni standardizzate, mentre nel trasporto multimodale non lo è.

 

Trasporto intermodale e multimodale: confronto delle caratteristiche

 

Le differenze tra trasporto intermodale e multimodale possono essere riassunte come segue:

 

Caratteristica Trasporto intermodale Trasporto multimodale
Modalità di trasporto Due o più Due o più
Cambio di unità di carico durante il transito No
Unità di carico Standardizzata Non standardizzata
Gestione del carico Affidata ad un singolo operatore Affidata a più operatori

 

Vantaggi del trasporto intermodale

 

Quindi, quali sono i vantaggi del trasporto intermodale? Analizziamoli:

  • Efficienza: l’adozione dell’intermodalità elimina qualsiasi manipolazione extra del carico, offre l’uso di diversi modi di trasporto, riduce i tempi di inattività e massimizza l’efficienza.
  • Economie di scala: quando si spediscono volumi significativi, l’intermodalità riduce il costo di trasporto per singola unità di carico e, di conseguenza, il costo per tonnellata trasportata;
  • Sicurezza: mantenere il carico nella stessa unità di carico durante il trasporto riduce i rischi di furto e danni alle merci.
  • Sostenibilità: l’intermodalità rappresenta una delle soluzioni più efficaci per una logistica sostenibile, in quanto riduce l’impatto sull’ambiente attraverso una migliore gestione delle risorse.

 

Conclusione

 

Il trasporto intermodale si dimostra spesso una soluzione cruciale per affrontare le complesse sfide che fanno parte delle spedizioni internazionali. Prima di impegnare la gestione della catena di approvvigionamento in questa modalità di trasporto, è necessario effettuare valutazioni approfondite da parte di esperti del settore.

 

Da Savino Del Bene, abbiamo una vasta esperienza nella gestione di spedizioni per una vasta varietà di mercati verticali. Il nostro affidabile team di esperti è disponibile per assistervi nella gestione della vostra catena di approvvigionamento. Contattateci ora per scoprire tutti i vantaggi del trasporto intermodale.

Riproduci video

SPECIAL EQUIPMENT

Spedizioni per carichi speciali

Questo servizio speciale è destinato alle spedizioni di merci fuori sagoma o/e con pesi che non rientrano nelle misure ordinarie delle spedizioni FCL o che richiedono una movimentazione fuori dagli standard. Un team di esperti, tra cui gli specialisti in Progetti Speciali, curano ogni singolo aspetto al fine di semplificare le spedizioni più complesse: dal trasporto dal luogo di produzione, alla consegna nel luogo di destinazione, carico e scarico attraverso navi specializzate, alla gestione documentale (permessi per la circolazione stradale portuale e di navigazione). Garantiamo una soluzione sempre personalizzata e flessibile per il vostro business.

LCL

Spedizioni marittime “Less than Container Load”

Quando i quantitativi di merce sono ridotti ma non si vuole rinunciare ai vantaggi della spedizione via mare, il servizio LCL consente di consolidare diverse partite di merce per la stessa destinazione. Offriamo questo servizio sulle più importanti rotte marittime, sia per merce dry che per merce a temperatura controllata.

FAST TRACKING

Compila i campi per tracciare la spedizione

FAST TRACKING

Complete la información para rastrear el envío

FAST TRACKING

Compila i campi per tracciare la spedizione

FCL

Spedizioni marittime “Full Container Load”

Questo servizio è la formula ottimale per lo spostamento di grandi quantitativi. Infatti il container viene riempito totalmente con la merce di un unico destinatario. Una tra le soluzioni più utilizzate è quella door to door, a cui si aggiunge, oltre alla spedizione via mare, un servizio multimodale su gomma o su rotaia, indipendentemente da quale sia il punto di partenza o di destinazione.

FCL